EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
Avatar

ZANZIBAR

16 gennaio 2016
No Comments
1.231 Views
Pochi anni fa ho conosciuto, nell'antico porto romano di Miseno, Roberto. Per la verità fu lui che si avvicinò alla mia barca attirato dall'attrezzatura che avevo montato a bordo. « piacere mi chiamo Roberto sono il proprietario dell' HARRY'S BAR ma cosa ci fai con gli Outriggers…… e con quella sedia; e con quei raffi volanti che ci prendi gli squali?????>. In genere a queste domande non rispondo o faccio finta di non aver sentito. Alzai lo sguardo e compresi subito che era una persona con la quale valeva la pena approfondire ed aprirsi senza riserve. Organizzammo una uscita insieme con la sua barca e poi tante altre ancora ed in barca si sa la vera anima delle persone viene a galla…..sempre. Sono sicuro che quegli orizzonti aperti e la terra lontana miglia favoriscano molto. « Sai Sasà (il mio diminutivo tutto napoletano) avevo un Sangermani a società con un mio amico fraterno, stavamo in giro per mesi interi….ho pescato tante ricciole e dentici all'Elba…… un anno poi siamo stati in Turchia… però il rientro come era duro e ricominciare il lavoro da zero, tutto daccapo, era diventato troppo difficile. Quegli anni non li scorderò mai. » Lo guardai, stringeva il suo sigaro sempre più forte, si emozionò….. era vero, amava veramente il mare e la libertà. Nella seguente uscita insieme durante una di quelle pause di silenzio che fanno tanto bene all'anima ed ai nostri pensieri, specialmente quando si sa che l'altra persona in barca sta godendo delle nostre stesse emozioni, gli dissi: « Roberto immagina ora avere gli outriggers, non per avere più esche a mare ma per far lavorare bene le esche a galla tra la settima e nona onda fuori della scia della barca……. » e Roberto: « già ho capito Sasà dove vuoi arrivare. Vedi io ora ho solo i fine settimana, quindi poco tempo, non posso mirare a pesci difficili; ora mi accontento dopo una settimana di lavoro di avere a bordo un tonnetto da sfilettare con i miei coltelli da sushi……… e sono felice così. » ed io: « forse hai ragione Roberto… e poi ho assaggiato in barca con te delle vere squisitezze. Sei davvero bravo a preparare il pesce crudo. Però sai che io qualche bel pesce l'ho preso e se mi fossi accontentato sarei rimasto alle palamite e tonnetti. » Roberto: « Lo so Sasà però in questo periodo voglio il risultato sicuro e quando invece voglio la grande emozione prendo l'aereo e vado in oceano indiano a Zanzibar a pescare i vela. » ancora io: « Ok Rob ma non sai che ti perdi. Vedere uno spada o un'aguglia imperiale saltarti a poppa qui nel golfo è come pescare 100 vela in oceano indiano. » Traina pesce spada, Napoli Da questi primi scambi di idee sono passati 2 anni, abbiamo continuato a pescare insieme tonnetti, lampughe e palamite poi quest'anno Roberto mi comunica che vuole montare i divergenti e mi ha chiesto di occuparmi della cosa. Mi occupo della cosa ed ora l' HARRY'S BAR svetta con i suoi divergenti nel porto di Miseno. Organizziamo la prima uscita ma io per un charter di vela devo rinunciare. Roberto mi chiama il sabato mattina « mi dispiace Sasà che non vieni ma io devo uscire non sto nella pelle dove mi consigli di andare? » Sasà: « Roberto, traina tra quei punti che ti ho dato, formano un triangolo……insisti la.» Roberto « ma perché proprio la, Sasà.» Sasà: « Roberto, segna i punti su una carta nautica e ti renderai conto di come degradano le batimetriche velocemente. Insisti là. Ciao e fammi sapere.» ………… Sono le 11,15 io ho una banda di inglesi a bordo ma con il pensiero sono in traina con Roberto. Mi immagino l'HARRY'S BAR con i divergenti aperti e le esche trainate a 7-7,5 nodi…….. come mi piacerebbe esserci. So anche che, se non ha lo strike entro l'una, può anche rientrare. Pazienza proverà un'altra volta ……….. ero immerso in questi pensieri quando squilla il cellulare. Guardo il display: Rob, premo ok e dall'altra parte « ZANZIBAR SASA', …..ZANZIBAR ! ! ! ! ! grazie per tue indicazioni. Questa cattura è dedicata a te.» ….. è come se fossi stato lì. Immagino Roberto che gode quando il pesce prende filo e lo immagino con il suo sigaro stretto tra i denti e gli occhi lucidi mentre incantato osserva il suo spada nel pozzetto…….. BRAVO ROB, ci hai creduto e sei stato premiato Igfa capt. Salvatore Mele www.chartercatamarano.it